venerdì 24 febbraio 2012

Neon e Grand Canyon... simply wow


Neon, chi ha paura del rosso, giallo e blu?

Domenica sera piovosa, radio accesa sulla Pina a Radiodeejay e voglia di non pensare al lunedì incombente. E’ stato in quel momento che la notizia è arrivata, così colorata e simpatica da farmi venire voglia di raccontarvela subito. Si tratta di una mostra  molto particolare su un’invenzione che ha cambiato l’estetica del mondo come lo conosciamo e cioè il Neon. Ormai siamo abituati a birre, cuori, donnine, scritte che lampeggiano sulle nostre teste rendendo l’atmosfera un po’ più festosa, ma come è nata questa piccola rivoluzione e cosa ha potuto e può creare?



L’evento si svolge a Parigi (17 febbraio – 20 maggio) alla Masion Rouge (www.lamaisonrouge.org) e nasce per la celebrazione dei cento anni dall’invenzione del neon, che è stato creato nel 1912 dal fisico e chimico francese George Claud. L’invenzione è stata mostrata all’Exposition Universelle de Paris e nel 1923 sono state vendute le due prime insegne luminose alla società Packard iniziando un lungo viaggio verso il mondo moderno dove la pubblicità diventa spettacolo e tutto si rende più visibile.



In mostra sono esposte opere storiche ed inedite a partire dagli anni ’40 con l’attività dei pionieri della materia (Gyula Kosice e Lucio Fontana), passando dagli anni ’60 fino ai giorni nostri.






Che dire? L’arte mi piace in tutte le sue forme e si potrebbe aprire un dibattito su cosa è arte. Qualsiasi cosa abbia il potere di lasciarti senza parole o di cambiare la nostra visione dello spazio e delle nostre città per me è arte, come la pop art (che poi è semplicemente tutto questo) fino alle grandi opere architettoniche dell’uomo. Mi viene in mente una cosetta tipo lo skywalk sul Grand Canyon. Uno dei dei miei “must do” assoluti e so che non aspetterà tanto!




Lo skywalk è un’opera immensa ed azzardata, frutto dell’uomo che mette le mani direttamente “nella” natura per poter vivere un’esperienza davvero sconfinata. Si tratta di una piattaforma di vetro a forma di cavallo, che sporge per 21 metri dal bordo del Canyon ad un’altezza di 1.200 metri. Inaugurata nel Marzo 2007, si trova nella parte più occidentale del Grand Canyon, all’interno della riserva indiana Hualapai. Ho visto un interessantissimo documentario nel quale venivano mostrate le trattative con gli indiani per riuscire a procedere nel progetto. Unici elementi che separano il turista da un salto nel vuoto sono i 10 cm del cristallo della pavimentazione. Questa permette una meravigliosa vista mozzafiato dell’intera vallata del Grand Canyon e del fiume Colorado.












 





12 commenti:

  1. Straordinario!!! Queste foto sono meravigliose!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei voluto mettere foto fatte da me, ma purtroppo non ci sono ancora stata. Fantastico vero?

      Elimina
  2. Sono stata a las vegas e ancora mi mangio le mani per non essere andare al Canyon :(
    Bravissima Franci!
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vaty! Ti è piaciuta Las vegas? Immagino di sì, mi hanno detto che è strana e divertente. Purtroppo mi manca quella parte di America. Un bacio a presto

      Elimina
    2. Las Vegas e' davvero da "sballo". Ho bellissimo ricordi perché abbiamo soggiornato (con mio marito) al Bellagio, un hotel stupendo e in piscina ho incontrato Paolo
      Maldini e Family !
      A S. Francisco ci ho lasciato il cuore (come la canzone), L.A. Invece meno mentre mi e' piaciuto
      Molto Yosemite Park :))
      Ps grazie anche per la storia del neon, non la conoscevo proprio
      !

      Elimina
    3. Dai, anche mia sorella non ha amato Los Angeles mentre tutti mi dicono che e' fantastica San Francisco... Mmmm mi e' venuta proprio voglia di fare un giro da quelle parti! :-))))))

      Elimina
  3. Idea carina, simpatica e coloratissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si vero? Le opere di luci sono favolose... Grazie a presto

      Elimina
  4. che bel blog! Wow, mi piacerebbe moltissimo camminare sullo skywalk..chissà che sensazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e benvenuta!!!! si, deve essere un'emozione pazzesca: spero davvero di poterla provare al più presto. un bacio

      Elimina
  5. Chissà che emozione avere il Grand Canyon sotto i piedi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' emozionante anche in fotografia in effetti... :-))))

      Elimina

grazie per il tuo intervento, è prezioso per me!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...